"E se parlassimo d'amore?" Umberto Galimberti a MANGIACINEMA 2019

Lectio magistralis del filosofo Umberto Galimberti. Degustazioni della Spalla '60 di Branchi Prosciutti, "sorella" dell'inimitabile Cotto '60, prodotta con salatura manuale, senza zuccheri e senza aromi

  18:00
Salone delle Feste - Terme Berzieri - Salsomaggiore Terme
Ubik Salsomaggiore
  Locandina
Salone delle Feste - Terme Berzieri - Salsomaggiore Terme

Opere

Galimberti Umberto

Feltrinelli (2013)
9,00 €
 9788807882005
Quando dico "ti amo" che cosa sto dicendo di preciso? E soprattutto, chi parla? Il mio desiderio, la mia idealizzazione, la mia dipendenza, il mio eccesso, la mia follia? Non c'è parola più equivoca di "amore" e più intrecciata a tutte quelle altre parole che, per la logica, sono la sua negazione. Tutti, chi più chi meno, abbiamo fatto esperienza che l'amore si nutre di novità, mistero e pericolo e ha come suoi nemici il tempo, la quotidianità e la familiarità. Nasce dall'idealizzazione della persona amata di cui ci innamoriamo per un incantesimo della fantasia, ma poi il tempo, che gioca a favore della realtà, produce il disincanto e tramuta l'amore in un affetto privo di passione o nell'amarezza della disillusione. Qui Freud ci pone una domanda: "Quanta felicità barattiamo in cambio della sicurezza?". Umberto Galimberti ci consegna un volume in cui l'acutezza del pensiero penetra i meandri del sentimento e del desiderio, registrando i mutamenti intervenuti nelle dinamiche dell'attrazione, nel patto con l'amato/a, nei percorsi del piacere (dall'onanismo alla perversione). Sullo sfondo si muove, come un fantasma, continuamente evocato e rimosso, quello che propriamente o impropriamente gli uomini non smettono di chiamare amore.
 Aggiungi al carrello
 Aggiungi al carrello

Regala

Regala